Trattato di cooperazione giudiziaria Italia-Emirati. Approvato!

Il Senato della Repubblica ha approvato il trattato. Ora i latitanti italiani negli Emirati potranno essere rimpatriati ed assicurati alla giustizia

Questa mattina il Senato della Repubblica ha definitivamente approvato il trattato di cooperazione giudiziaria ed estradizione tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti, colmando un vuoto che fino a oggi aveva impedito alla giustizia di fare il suo corso. Per lungo tempo, infatti, gli Emirati Arabi hanno rappresentato una vera e propria zona franca per molti condannati o indagati italiani che si sono sottratti alla giustizia, volando impunemente nello Stato Emiratino. Non essendo presente un trattato di estradizione e cooperazione giudiziaria tra i due Paesi, infatti, essi potevano godere di una libertà incondizionata, non potendo essere rimpatriati.

Almeno  9 soggetti ricercati dalle autorità giudiziarie italiane – condannati o rinviati a giudizio per reati come l’associazione mafiosa, il concorso esterno, il narcotraffico, il riciclaggio e la frode fiscale – si trovano tra Dubai e Abu Dhabi e da oggi l’Italia potrà chiederne ufficialmente l’estradizione. Tra di loro spiccano i nomi noti di Amedeo Matacena, ex deputato di Forza Italia, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa e il cognato di Gianfranco Fini, Giancarlo Tulliani, accusato di riciclaggio.

Il voto di questa mattina chiude una battaglia cominciata ormai oltre 4 anni fa, in Commissione Parlamentare Antimafia, che ebbe la prima significativa svolta quando l’ex Ministro Andrea Orlando volò negli Emirati Arabi per firmare il primo accordo di Cooperazione nel Settembre del 2015. Da allora il Trattato è rimasto prima arenato per alcuni rilievi mossi dal Quirinale sul punto della pena di morte a fronte di nuove e più stringenti norme europee nel frattempo intervenute e poi finalmente approvato dal Consiglio dei Ministri il 22 febbraio 2018. Per risultare operativo, tuttavia, il trattato ha avuto bisogno del voto favorevole della Camera, avvenuto il 6 agosto 2018, e poi di quello del Senato, questa mattina.

La Fondazione Benvenuti in Italia ha sostenuto l’iter del provvedimento con attenzione. Prima attraverso il lavoro di Davide Mattiello, attuale presidente della Fondazione e Parlamentare della scorsa Legislatura, membro delle commissioni Giustizia e Antimafia. In seguito la Fondazione Benvenuti in Italia ha attivato la campagna “Stop latitanti: subito il trattato di cooperazione Italia-Emirati Arabi”, organizzando un mail bombing verso i presidenti di Camera e Senato per chiedere al più presto la calendarizzazione del trattato e mantenendo alta l’attenzione delle istituzioni e della società civile.

<<L’approvazione definitiva del trattato azzera finalmente un’area di impunità che per troppo tempo ha fatto il gioco dei criminali erodendo la credibilità delle Istituzioni. Un risultato che va dedicato a tutti quei magistrati e a quegli investigatori che con gravi sacrifici per se’ e per le proprie famiglie contrastano quotidianamente l’illegalità, ma anche a tutti quei cittadini per bene che si impegnano semplicemente a rispettare la legge>>  afferma Davide Mattiello.

Per maggiori informazioni:

Trattato Italia-Emirati: Intervista a Anna Rossomando

Il trattato di estradizione e cooperazione giudiziaria tra Italia ed Emirati Arabi Uniti potrebbe essere finalmente approvato dal Parlamento Italiano nelle prossime settimane. Perchè questo accada, infatti, manca solo il voto favorevole del Senato, dopo l’approvazione della Camera avvenuta il 6 agosto scorso.

La ratifica del trattato aprirà la strada al rientro in Italia di diversi latitanti che negli anni si sono rifugiati tra Dubai e Abudhabi per sfuggire alla giustizia italiana. Si tratta soprattutto di persone condannate o indagate per reati connessi alla criminalità organizzata, come Amedeo Matacena, ex parlamentare di Forza Italia condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa, rifugiato a Dubai da anni. O Raffaele Imperiale, narcotrafficante ritenuto vicino al clan degli scissionisti, fuggito negli Emirati Arabi nel 2016.

Abbiamo intervistato Anna Rossomando, senatrice del Partito Democratico e vicepresidente del Senato, per chiederle un commento sui tempi dell’approvazione e sull’efficacia di provvedimenti di questo tipo.

 

Siamo a un passo dalla ratifica del trattato di cooperazione giudiziaria ed estradizione tra Italia ed Emirati Arabi Uniti. Con quali tempi ritiene che arriveremo al voto, dunque all’approvazione definitiva?

Dobbiamo arrivarci in tempi brevissimi. Abbiamo il dovere e la responsabilità di farlo perchè è un provvedimento importante e atteso. Un provvedimento nato con il Governo Gentiloni e il Ministro Orlando, che prima della pausa estiva è stato finalmente approvato alla Camera. Io, come vicepresidente del Senato, mi impegno a chiedere la più celere calendarizzazione del trattato.

Credo e sono fiduciosa che verrà approvato tempestivamente, perchè è un provvedimento sul quale c’è una condivisione molto ampia. Quello che serve è la sensibilità per farne una priorità.

Ritiene dunque che anche la maggioranza di Governo sia interessata ad approvare al più presto il provvedimento?

Io lo auspico! Penso che non sia mai abbastanza sottolineare come su questi temi sia necessaria una larghissima condivisione e di fatto nessuno possa dirsi contrario alla lotta alle Mafie. Però la questione è di sfuggire alla retorica, perchè essere contro le Mafie è ovviamente facile a dirsi, ma poi quello che conta sono le priorità e l’attenzione che si dedica.

Io vedo con preoccupazione il fatto che il contrasto alle Mafie sia un po’ scomparso dall’agenda politica e dalle priorità del contratto Giallo-Verde. Da questo punto di vista il mio impegno è quello di richiamare l’attenzione sull’argomento. Quello che conta, infatti, è capire quali provvedimenti siano una priorità e quale sia l’atteggiamento complessivo del Governo.

Ci tengo a ricordare come nella passata legislatura abbiamo approvato delle riforme importantissime con il concorso di tutti i partiti, penso al “Codice Antimafia” o alla “Riforma dei beni confiscati alle Mafie”, ora queste leggi vanno fatte applicare e devono essere fatte vivere per farle funzionare davvero. Questo per dire che la lotta alle Mafie vive di molta concretezza e di un impegno che inizia con l’approvazione di una legge, ma l’approvazione non è il punto di arrivo.

Come ricordava, già nella scorsa legislatura, in commissione Giustizia, lei si è dimostrata attenta al tema. Perchè ritiene che un accordo di cooperazione giudiziaria tra i due Paesi sia così importante?

In una dimensione ormai sovranazionale della criminalità organizzata, questo tipo di provvedimento è fondamentale, altrimenti continueremo a non avere gli strumenti per individuare, punire e applicare le sanzioni che eroghiamo con le sentenze.

Mi spiego: il fatto che ci sia un processo o un’indagine che si conclude con una sentenza di condanna in Italia, ovviamente ha una dimensione di per sè internazionale. Questo perchè la persona coinvolta non si rifugia semplicemente all’estero per sfuggire alla giustizia, ma è la stessa organizzazione di cui fa parte ad agire in una dimensione sovranazionale. Ormai la cooperazione internazionale è un punto fondamentale e ineludibile, quindi l’approvazione del trattato è un passo importante che può avere anche una funzione di deterrenza e che va a colmare una lacuna che c’era nel nostro ordinamento.

Approfitto dell’occasione per ricordare il lavoro del mio collega Davide Mattiello nella scorsa legislatura sui temi che hanno a che vedere con la lotta alla criminalità organizzata, il suo impegno nella proposta di legge, ma anche l’attenzione e il lavoro di tessitura che ha fatto per ottenere provvedimenti che avessero il più largo consenso possibile.

Per saperne di più consulta tutti i materiali della campagna di Benvenuti in Italia“Stop latitanti: subito il trattato Italia-Emirati”.

Approvare la ratifica del trattato di estradizione con gli Emirati Arabi

 

A coloro che parlano – giustamente – di lotta alla Mafia, di lotta alla corruzione, ricordiamo che prima di tutto bisogna annullare l’impunità. Per questo motivo sono andato davanti al Senato della Repubblica per legare un fazzoletto: bisogna calendarizzare e votare al più presto la ratifica del trattato di cooperazione ed estradizione con gli Emirati Arabi per mettere fine alle latitanze spudorate di molti italiani.

Per maggiori informazioni sulla campagna per la ratifica del trattato, clicca qui.

Guarda il video:

 

Trattato Italia-Emirati Arabi: nuovo passo verso la ratifica

Un trattato di Cooperazione Giudiziaria tra Italia ed Emirati Arabi esiste, ma non può produrre ancora effetti. Manca infatti la ratifica del Parlamento, così alcuni latitanti italiani sono sfuggiti alla giustizia e rimangono impuniti. Oggi, raccogliendo l’impegno di Davide Mattiello, membro della nostra fondazione ed onorevole Pd nella passata legislatura, Walter Verini ha presentato la proposta di ratifica alle Camere.

APPROFONDIMENTI

Leggi l’intervista a Walter Verini

Leggi l’articolo di “Diario del Web” 

L’intervista a Davide Mattiello:

 

 

Ministro Alfano: vorremmo delle spiegazioni..

Apprendiamo dal sito del Ministero degli Esteri che il Ministro Alfano era effettivamente negli Emirati proprio mentre si procedeva all’arresto del Tulliani. Da ciò che il sito riporta non pare che il tema delle estradizioni dei latitanti italiani sia stato oggetto di incontri e approfondimenti, mi aspetto su questo una spiegazione da parte del Ministro. Restano da comprendere anche le parole di Giletti, che avrebbe detto, in riferimento a Tulliani: “Probabilmente pensava di essere tutelato di più – commenta Giletti – forse nella sua sicurezza, nella sua arroganza, lui era convinto che poteva chiamare la polizia. D’altra parte in tutto questo tempo nessuno e’ andato a cercarlo, lo abbiamo cercato noi”. Davvero in tutto questo tempo nessuno è andato a cercarlo? Intanto anche oggi da Reggio Calabria giungono notizie dell’ennesima, importante operazione di Forze dell’Ordine e DDA contro la ‘ndrangheta di ultima generazione, tanto pericolosa quanto arrogante e spavalda. E’ possibile che questa spudoratezza della nuova ’ndrangheta reggina sia alimentata anche dal ritorno del mito dell’impunità: basta al momento giusto, fare base a Dubai.

Approvata la risoluzione che impegna il Governo sull’estradizione dagli Emirati

Mattiello: Sul trattato di estradizione e di
mutua assistenza giudiziaria tra l’Italia e gli Emirati arabi uniti, sottoscritto il 16 settembre 2016.

 

TESTO APPROVATO

La II Commissione,

premesso
che:

è
passato poco più di un anno dall’accordo siglato dal Ministro Orlando con le
autorità degli Emirati Arabi in materia di cooperazione giudiziaria e di
estradizione, consistente in un trattato di estradizione e di mutua assistenza
giudiziaria in materia penale tra il Governo della Repubblica italiana e il
Governo degli Emirati Arabi Uniti, ed un accordo di cooperazione giudiziaria in
materia penale fra i due Paesi, con l’intento di migliorare e intensificare la
collaborazione fra Italia ed Emirati Arabi Uniti in materia di giustizia, alla
luce, da un lato, della crescita dei rapporti economici, finanziari e
commerciali e dell’aumento esponenziale del numero di connazionali residenti
negli EAU e, dall’altro, dell’aumento delle richieste di estradizione e di
assistenza giudiziaria formulate da parte italiana;

in
particolare, con il Trattato di estradizione i due Pesi si sono impegnati
reciprocamente a consegnare persone ricercate che si trovano sul proprio
territorio, per dare corso ad un procedimento penale o consentire l’esecuzione
di una condanna definitiva, mentre l’Accordo di mutua assistenza giudiziaria
impegna invece Italia ed Emirati Arabi Uniti a collaborare in materia di
ricerca e identificazione di persone, notificazione di atti e documenti,
citazione di soggetti coinvolti a vario titolo in procedimenti penali,
acquisizione e trasmissione di atti, documenti ed elementi di prova,
informazioni relative a conti presso istituti bancari e finanziari, assunzione
di testimonianze o di dichiarazioni (ivi inclusi gli interrogatori di indagati
ed imputati), espletamento e trasmissione di perizie, esecuzione di attività di
indagine, effettuazione di perquisizioni e sequestri, nonché sequestro,
pignoramento e confisca dei proventi del reato e delle cose pertinenti al
reato. L’accordo prevede inoltre che l’assistenza possa essere accordata anche
in relazione a reati tributari e fiscali;

ad
oggi l’Italia non ha ancora concluso questo percorso, ratificando il trattato,
percorso così positivamente intrapreso dal Governo al fine di sanare una
negativa smagliatura nei rapporti tra i due Paesi, che sono per altro ottimi partner
commerciali soprattutto nei settori dell’energia e della difesa. Gli Emirati,
per esempio, sono i primi importatori al mondo di sistema di difesa e armamenti
italiani;

il
3 marzo 2016 la ratifica dell’accordo è stata presentata in Consiglio dei
ministri per ottenerne l’approvazione, passaggio che sembrava una pura
formalità, essendo stato preceduto dal placet dei Ministeri interessati,
interno, giustizia, economia e finanze, ma punto all’ordine del giorno venne
rinviato e il trattato rimandato per ulteriori approfondimenti. Pare che il
nodo fosse legato alla pena di morte, presente nell’ordinamento emiratino, che
farebbe sorgere riserve circa la possibilità di ratificare un accordo di questo
tipo;

in
merito al ritardo nella ratifica dell’accordo è stata presentata
un’interrogazione a risposta in Commissione, la n. 5-09675;

il
Ministro Orlando, sin da subito, aveva reso noto l’interesse del Governo
italiano in merito ad una pronta operatività dei due accordi;

va
considerata in questo quadro, inoltre, positivamente la grande quantità di
trattati che, opportunamente, il Parlamento sta approvando in questo periodo su
materie analoghe. Per fare soltanto qualche esempio tra i più recenti votati
alla Camera ci sono quelli con Austria, Vietnam, Andorra, Stati Uniti
Messicani, Armeni, Iraq, Filippine;

la
presenza di latitanti in quei territori, purtroppo ad oggi, non è affatto
diminuita, e gli ultimi clamorosi fatti di cronaca accrescono la necessità e
l’urgenza di una piena e completa operatività dell’accordo: il riferimento è,
in ordine di tempo, prima all’individuazione negli Emirati di Cetti Serbelloni,
che deve scontare una condanna definitiva per aver evaso tasse in Italia per
circa un miliardo di euro, poi al ritrovamento di due opere di Van Gogh rubate
ad Amsterdam nel 2002, riconducibili ad attività di riciclaggio del
narcotrafficante Imperiale, lui pure individuato negli Emirati: si tratta di
fatti che si aggiungono all’ormai da tempo noto caso dell’ex-parlamentare
Matacena, condannato in via definitiva a tre anni di reclusione per concorso
esterno in associazione mafiosa nella fattispecie di ’ndrangheta e delinquenti
dediti al riciclaggio internazionale come messo recentemente in evidenza dalle
inchieste napoletane contro la camorra;

le
autorità giudiziarie italiane, che si occupano di casi legati alle richieste di
estradizione da quel Paese, hanno più volte segnalato come gli Emirati rischino
di diventare una sorta di porto franco per latitanti italiani e riciclatori
internazionali: diverse associazioni e personalità che si battono per la
legalità e gli organi di informazione più volte si sono occupati della vicenda,
con prese di posizione, servizi, inchieste, reportage e campagne, come
per esempio quella del giornale online Ytali,

impegna il Governo:

a
presentare con urgenza, il disegno di legge per l’autorizzazione alla ratifica
dei trattati di estradizione e di mutua assistenza giudiziaria tra l’Italia e
gli Emirati Arabi Uniti, sottoscritti dalle parti il 16 settembre 2015,  ricercando le soluzione maggiormente
compatibili con la tutela dei principi costituzionali;

nelle
more della ratifica del trattato, a agire in via diplomatica al fine di
ottenere l’estradizione di Amedeo Matacena.

«Mattiello, Verini».

Ma gli Emirati sono un paese civile oppure no?

(Ansa) Mattiello: “Ma se gli EAU sono un Paese così "incivile” perché ci facciamo tanti affari? Le ragioni per le quali è stata negata l’estradizione sono legittime, mi colpisce però che manchi la ragione principe: l’assenza del trattato di cooperazione giudiziaria e di estradizione tra Italia ed Emirati. Non credo che la magistratura valuti caso per caso a prescindere da un quadro normativo di riferimento e qui questo quadro manca e questa è la cosa più grave. La comprensibile decisione dei giudici milanesi mette ancora più in evidenza le contraddizioni insite in questa situazioni. Delle due l’una: o gli Emirati Arabi Uniti sono un Paese “incivile” che nega le libertà fondamentali e allora dovremmo riflettere sulla opportunità di farne uno dei nostri principali partner economici al Mondo – ricordo che gli EAU sono il primo importatore di armi italiane – oppure gli EAU sono un Paese differente dal nostro ma con il quale si possono avere relazioni e allora le relazioni non possono essere a corrente alternata. I soldi passano, la legge si ferma. Tanto poi se si litiga sui soldi, ci si affida agli arbitrati internazionali pagati caro dalle parti. Questa contraddizione consente ai latitanti italiani di stare tranquilli negli Emirati, come accade dall’agosto del 2013 ad Amedeo Matacena e consente ai riciclatori internazionali di usare gli EAU come porto franco, come dimostrano alcune delle più recenti inchieste della DDA napoletana. Il Governo da mesi tiene fermo il trattato di cooperazione giudiziaria firmato dai ministri della Giustizia dei due Paesi nel Settembre del 2015: un insopportabile vantaggio per i delinquenti"

Inchiesta petrolio: Governo fughi dubbi su Emirati

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – “Il Governo dia un segnale chiaro e approvi il Trattato di cooperazione giudiziaria tra Italia ed Emirati Arabi. L’audizione dei magistrati della DDA di Reggio Calabria svolta oggi in occasione della missione in corso della Commissione Antimafia, aggrava, se possibile, la responsabilita’ della politica: non e’ sopportabile che tanto lavoro investigativo e giudiziario fatto, venga mortificato dalla mancanza di strumenti giuridici, per altro gia’ approntati”. A dirlo e’ il deputato Pd Davide Mattiello, componente dell’Antimafia, oggi e domani in Calabria per una missione a Reggio Calabria e Locri guidata dalla presidente della Commissione, Rosy Bindi. “Sa proprio di beffa: il Trattato, preparato da Orlando che volo’ ad Abu Dabhi il 16 settembre del 2015, dopo aver ottenuto i pareri favorevoli anche di Interni ed Esteri, e pur essendo stato messo all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri del 3 marzo, e’ stato rimandato indietro per approfondimenti. Chi ha avuto interesse a chiedere il rinvio in Consiglio dei ministri?”, si chiede il deputato. Che aggiunge: “Piu’ passa il tempo, piu’ aumentano le preoccupazioni: a chi conviene continuare a fare degli Emirati Arabi una zona franca? Sicuramente a latitanti e riciclatori, ma forse anche a chi gestisce grandi interessi economici e finanziari. Il Governo sgombri ogni dubbio”, conclude Mattiello

Una vergogna che gli Emirati Arabi siano una zona franca

(ANSA) ROMA, 18 MAR – “E’ inaccettabile il continuo slittamento del Trattato di cooperazione giudiziaria tra Emirati e Italia”. A sostenerlo e’ il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia. “Non bastasse la spudorata latitanza di Amedeo Matacena che e’ a Dubai da tre anni nonostante una condanna definitiva per concorso in associazione mafiosa – osserva Mattiello -, non bastasse la confermata presenza di altri personaggi richiesti dalla giustizia italiana come Andrea Nucera, o l’inchiesta della Dda campana sul riciclaggio internazionale, si aggiungono pure i fatti di cui da’ conto la stampa oggi, relativi alla vicenda Vatileaks, a confermare quanto sia comodo avere un Paese come gli Emirati Arabi, grande alleato commerciale, che resti una zona franca sul piano giudiziario. E’ una vergogna!”. Per Mattiello “e’ uno schiaffo a quanti cercano di contrastare il crimine organizzato e mafioso in casa nostra. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha fatto bene, procurando la firma del pre-trattato il 16 settembre 2015 ma da allora e’ buio totale, fino al paradosso di vedere il pre-trattato arrivare fin sul tavolo del Consiglio dei ministri due settimane fa, salvo poi vederlo sfilare all’ultimo momento per ulteriori approfondimenti di cui non e’ stato dato conto”. (

Trattato Italia-Emirati: fumata nera: un peccato..

(ANSA) ROMA, 3 MAR – “Il Governo negli ultimi due anni – prosegue Mattiello – ha impresso una svolta significativa a questa questa questione, ma ancora insufficiente: peccato, perche’ investigatori e magistrati continueranno a sbattere contro un muro. Lo stesso procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti solo ieri, presentando in Commissione Antimafia la nuova relazione annuale della Dna, ha messo in evidenza quanto sia sempre piu’ decisiva la cooperazione giudiziaria internazionale nel contrasto alla criminalita’ organizzata: spero che il Trattato possa passare alla prossima seduta”