Lettera a Paolo Furia, candidato alle primarie del PD Piemonte

 

Caro Paolo,

abbiamo auspicato una candidatura che segnasse una discontinuità con il passato.
Un candidato giovane, ma non giovane e basta (ché abbiamo toccato con mano quanto essere giovani non sia garanzia di niente: né di onestà, né di competenza): un giovane con radici forti nel partito e nella società, tanto nella militanza politica quanto in quella sociale.
Un candidato che rappresentasse adeguatamente il “Piemonte 2” troppo spesso marginalizzato
nelle dinamiche politiche piemontesi.
Un candidato disposto a farsi carico della gestione del partito dedicandovi l’attenzione che merita e della quale c’è bisogno: non serve un segretario intermittente.
Un candidato in sintonia con l’istanza nazionale che vuole un partito capace di girare pagina rispetto all’ultima stagione: un partito capace di vincere unendo e non spaccando, che si faccia forte delle differenze, invece che liquidarle con fastidio (per quello c’è la destra!)
Tu sei quel candidato.
Ti chiediamo una attenzione speciale su tre aspetti.
Corruzione e Mafia sono due facce della stessa medaglia e sono ancora oggi uno dei fattori più importanti di disuguaglianza sociale, di violenza e di offesa alla dignità delle persone. La fuga dall’Italia di tanti giovani in gamba è anche dovuta ad un “ecosistema” zavorrato da questi fenomeni insopportabili. Non è una questione soltanto del sud! Il solo fatto che a Torino nel 1983 sia stato ucciso dalla ‘ndrangheta il capo della Procura di Torino Bruno Caccia, dovrebbe tagliare la discussione una volta per tutte. Con l’operazione Minotauro del 2011, che ha generato una dozzina di altre operazioni, fino a quella denominata “Barbarossa” di qualche mese fa, il Piemonte ha dovuto aprire gli occhi su una realtà strisciante e pervasiva. La vicenda gravissima della villa confiscata agli Assisi a San Giusto Canavese e devastata da un attentato intimidatorio nel mese di giugno è soltanto un sintomo evidente di questa realtà che non può essere relegata a problema di “guardie e ladri”: è una questione più profonda che attiene ad una certa cultura della legalità e del rispetto della uguale dignità di ogni persona. Ma a tradire questa cultura non sono soltanto i mafiosi e i loro sodali in giacca e cravatta, sono anche quelli che fanno del clientelismo la forma normale e spietata di corruzione della cosa pubblico: le inchieste aperte a Torino che riguardano la sanità e lo stesso Palazzo di Giustizia, stanno lì a dimostrarlo. Non ci possono essere arretramenti su questo punto, il che significa anche (!) investire nella formazione specifica di coloro che il partito candida come amministratori negli Enti Locali e di coloro che il partito chiama a ruoli di gestione interna. Non arretrare su questo punto significa anche scommettere sulla trasparenza interna , a cominciare dalla gestione delle tessere: basterebbe applicare le regole già fissate per impedire che le tessere diventino sinonimo di manovre improprie di accumulazione di potere, funzionali a “scalate” che nulla hanno a che fare con la dialettica democratica di un partito che ancora si definisce “comunità”. Non arretrare su questo punto significa anche stimolare una continua rigenerazione del personale politico promosso dal partito nelle competizioni elettorali, perché ossigenare i locali serve sempre a tonificare l’azione: il tetto ai mandati già previsto dal regolamento, va in questa direzione, le deroghe non possono diventare la regola!
Il 22 Novembre abbiamo celebrato i 10 anni dalla morte di Vito Scafidi per il crollo del controsoffitto della sua aula al Liceo Darwin di Rivoli. Già 10 anni! Ma non sono passati in vano: molta strada è stata fatta per rimettere al centro della agenda politica la scuola. Una scuola sicura e bella, una scuola che sappia custodire la vita e promuoverne la realizzazione attraverso la cultura. Il 22 Novembre è diventato per legge “Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole” a partire dalla​ proposta che Davide Mattiello e Umberto D’Ottavio hanno sostenuto nella passata Legislatura. Interventi per oltre 500 milioni di euro sono stati realizzati in Piemonte in questi ultimi cinque anni grazie all’impegno della Giunta guidata da Chiamparino. La scuola (dagli asili all’Università) è la infrastruttura più importante del Paese: dobbiamo continuare a lavorare perché questa affermazione sia sempre più tradotta nella realtà. Scuole sicure ed adeguate sono altrettanti presidi di tenuta sociale e di rigenerazione economica: si, perché con la cultura si mangia eccome!
L’Europa! 5Stelle e destra tirano su consenso alimentando il rigurgito pericoloso del nazionalismo, noi sappiamo che il futuro migliore passa soltanto attraverso una Europa unita e democratica che abbia la capacità di trasformare il più effervescente mercato del Mondo in una altrettanto effervescente res-pubblica in grado di rinegoziare le regole del capitalismo globale, rimettendo al centro la dignità del lavoro. Chiuderci in casa ci farà soltanto morire malamente. Il Piemonte ha una vocazione speciale quando si parla di Europa: è il cuore euro-mediterraneo per eccellenza. Il Piemonte è al tempo stesso terra di confini e quindi di passaggi e terra che alimenta capacità culturali ed imprenditoriali che si riverberano in tutta Europa: vale tanto per la tradizione manifatturiera, quanto per la qualità delle Università e delle produzioni alimentari. Facciamo del Piemonte una leva che aiuti l’Italia a tornare ad essere protagonista di questo futuro di pace e di integrazione, protagonista dell’Europa !
Si racconta che attorno alla metà dell’800 i mastri cioccolatieri piemontesi fossero a corto di cacao a causa dell’embargo imposto dai francesi alle navi inglesi. Epperò ai piemontesi il cioccolato piaceva assai e non erano disposti ad arrendersi. Dovendo fare di necessità virtù ad alcuni di quei maestri venne una idea geniale: mescolare il cacao con la pasta ricavata dalla nocciola dolce del Piemonte. Nacque così la pasta di Gianduja e da quella i Giandujotti: una straordinaria manifestazione di resilienza!
Di fronte alle sfide che abbiamo davanti abbiamo bisogno di quella stessa capacità di resilienza
creativa che non si arrocca impaurita ma inventa l’inaudito.
Avanti, caro Paolo!

Scarica la lettera in PDF

Davide Mattiello
Diego Sarno
Riccardo Brezza
Andrea Sacco
Elena Lumetta
Claudio Bethaz
Fabio Piazza
Leonardo idili
Marina Formento
Mimmo Vitale
Luigi Bertolotti
Antonio Pontari
Tony Damouni
Roberto Camandona
Alda Bellato
Lina Lotesto
Lionel Lingua
Daniele Volpatto
Natascia Molino
Alice De Ambrogi
Emanuele Vitale
Donato Migliori
Claudio Melis
Lucia Ferrante
Leo Di Crescenzo
Tommaso Rettegno
Enzo Cascini
Simone Marchiori
Marco Stranisci

#22novembre2018: un giardino per Vito

Torino avrà un Giardino dedicato a Vito Scafidi!

Appuntamento il 22 novembre alle 9,30 davanti al Primo Liceo Artistico. Marceremo fino in piazza Chiaves dove inaugureremo un giardino per Vito

Il 22 novembre di dieci anni fa al liceo Darwin di Rivoli crollava un controsoffitto. Sotto le macerie, calcinacci e tubi di ghisa abbandonati per anni là sopra restava Vito Scafidi, un giovane di appena 17 anni.

Da allora Vito è diventato il simbolo della cultura della sicurezza. Un percorso che abbiamo accompagnato per anni, insieme alla sua famiglia. Il 22 di novembre è diventata “Giornata Nazionale per la sicurezza nelle scuole”, un giorno per ricordare, ragionare e agire affinchè le scuole siano luoghi sicuri.

Dalla polvere sollevata da quel crollo, quindi, è nata una nuova consapevolezza. Una consapevolezza che abbiamo seminato e fatto crescere negli scorsi anni.

Il 22 novembre 2018 a Torino celebreremo la Giornata Nazionale per la sicurezza nelle scuole con l’intitolazione di un giardino che porterà il nome di Vito Scafidi. Un giardino, un luogo bello e di vita, come  vogliamo sia la scuola: bella e sicura, dove costruire il proprio futuro.

Ti aspettiamo alle 9,30 davanti al Primo Liceo Artistico in via Giulio Carcano 31, a Torino. Marceremo insieme fino in Piazza Chiaves, dove sarà inaugurato un giardino per Vito.

#lascuolasicura

Il Piemonte? Connesso, ricco di opportunità e bello da vivere

Sabato 20 ottobre con la Fondazione Benvenuti in Italia abbiamo dato il via alla collaborazione con la Lista Monviso – Chiamparino per il Piemonte, in vista delle elezioni regionali 2019.

Durante la mattinata abbiamo discusso di infrastrutture con

Mario Giaccone, consigliere regionale e capogruppo Lista Monviso – Chiamparino per il Piemonte

Mario Villa, Istituto Nazionale di Urbanistica

Paolo Milanesio, ufficio stampa e portavoce dell’assessore regionale ai trasporti, infrastrutture e opere pubbliche

L’incontro è stato moderato da Camilla Cupelli, giornalista.

Buona Visione!

Il furore ideologico diventa un regalo ai boss

Fermatevi!

Il furore ideologico diventa un regalo ai boss.
Oggi va in Aula in Senato il “nuovo” articolo 416 ter promosso dal Sen. Giarrusso dei 5Stelle (candidato in pectore alla presidenza della Commissione Antimafia).
Basta leggere gli atti del Senato (la scheda tecnica e il parere della Prima Commissione) per accorgersi che approvarlo sarebbe disastroso:
– diventa diabolico dimostrare che chi accetta la promessa dei voti abbia consapevolezza di trattare con un condannato per 416 bis
– la “disponibilità a soddisfare bisogni ed interessi” è incostituzionale perchè viola il principio di tassatività della norma penale
– il ritorno all’equiparazione tra pene del 416 bis e pene del 416 ter è incostituzionale, perchè viola il principio di proporzionalità più volte richiamato da sentenze della Corte Costituzionale.
Faccio una proposta di buon senso: si voti il ritorno in Commissione e si apra una indagine conoscitiva sul funzionamento della norma attualmente vigente, si interroghi cioè la Cassazione su come venga o meno applicata la norma così come l’abbiamo riformata nella XVII Legislatura. Sarebbe poi altrettanto onorevole sollecitare la costituzione della Commissione Antimafia, che invece resta sospesa nel limbo, per acquisire un parere pure dalla Commisione che più di ogni altra dovrebbe fare questo lavoro.
Talvolta la prudenza è più rivoluzionaria del furore!

Trattato di cooperazione giudiziaria Italia-Emirati. Approvato!

Il Senato della Repubblica ha approvato il trattato. Ora i latitanti italiani negli Emirati potranno essere rimpatriati ed assicurati alla giustizia

Questa mattina il Senato della Repubblica ha definitivamente approvato il trattato di cooperazione giudiziaria ed estradizione tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti, colmando un vuoto che fino a oggi aveva impedito alla giustizia di fare il suo corso. Per lungo tempo, infatti, gli Emirati Arabi hanno rappresentato una vera e propria zona franca per molti condannati o indagati italiani che si sono sottratti alla giustizia, volando impunemente nello Stato Emiratino. Non essendo presente un trattato di estradizione e cooperazione giudiziaria tra i due Paesi, infatti, essi potevano godere di una libertà incondizionata, non potendo essere rimpatriati.

Almeno  9 soggetti ricercati dalle autorità giudiziarie italiane – condannati o rinviati a giudizio per reati come l’associazione mafiosa, il concorso esterno, il narcotraffico, il riciclaggio e la frode fiscale – si trovano tra Dubai e Abu Dhabi e da oggi l’Italia potrà chiederne ufficialmente l’estradizione. Tra di loro spiccano i nomi noti di Amedeo Matacena, ex deputato di Forza Italia, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa e il cognato di Gianfranco Fini, Giancarlo Tulliani, accusato di riciclaggio.

Il voto di questa mattina chiude una battaglia cominciata ormai oltre 4 anni fa, in Commissione Parlamentare Antimafia, che ebbe la prima significativa svolta quando l’ex Ministro Andrea Orlando volò negli Emirati Arabi per firmare il primo accordo di Cooperazione nel Settembre del 2015. Da allora il Trattato è rimasto prima arenato per alcuni rilievi mossi dal Quirinale sul punto della pena di morte a fronte di nuove e più stringenti norme europee nel frattempo intervenute e poi finalmente approvato dal Consiglio dei Ministri il 22 febbraio 2018. Per risultare operativo, tuttavia, il trattato ha avuto bisogno del voto favorevole della Camera, avvenuto il 6 agosto 2018, e poi di quello del Senato, questa mattina.

La Fondazione Benvenuti in Italia ha sostenuto l’iter del provvedimento con attenzione. Prima attraverso il lavoro di Davide Mattiello, attuale presidente della Fondazione e Parlamentare della scorsa Legislatura, membro delle commissioni Giustizia e Antimafia. In seguito la Fondazione Benvenuti in Italia ha attivato la campagna “Stop latitanti: subito il trattato di cooperazione Italia-Emirati Arabi”, organizzando un mail bombing verso i presidenti di Camera e Senato per chiedere al più presto la calendarizzazione del trattato e mantenendo alta l’attenzione delle istituzioni e della società civile.

<<L’approvazione definitiva del trattato azzera finalmente un’area di impunità che per troppo tempo ha fatto il gioco dei criminali erodendo la credibilità delle Istituzioni. Un risultato che va dedicato a tutti quei magistrati e a quegli investigatori che con gravi sacrifici per se’ e per le proprie famiglie contrastano quotidianamente l’illegalità, ma anche a tutti quei cittadini per bene che si impegnano semplicemente a rispettare la legge>>  afferma Davide Mattiello.

Per maggiori informazioni:

Commissione Antimafia, ma vi pare normale?

Questa mattina ero a Roma, davanti Palazzo San Macuto, sede della Commissione Parlamentare Antimafia. La Commissione, essendo “speciale” necessita di essere istituita ad ogni legislatura. Attualmente la Commissione è stata quindi istituita, ma non ancora costituita.

Intanto il Ministro dell’Interno vuole intervenire sul Codice Antimafia con un Decreto Legge per permettere la vendita dei beni confiscati anche ai privati. Ma vi pare normale?

Trattato Italia-Emirati: Intervista a Anna Rossomando

Il trattato di estradizione e cooperazione giudiziaria tra Italia ed Emirati Arabi Uniti potrebbe essere finalmente approvato dal Parlamento Italiano nelle prossime settimane. Perchè questo accada, infatti, manca solo il voto favorevole del Senato, dopo l’approvazione della Camera avvenuta il 6 agosto scorso.

La ratifica del trattato aprirà la strada al rientro in Italia di diversi latitanti che negli anni si sono rifugiati tra Dubai e Abudhabi per sfuggire alla giustizia italiana. Si tratta soprattutto di persone condannate o indagate per reati connessi alla criminalità organizzata, come Amedeo Matacena, ex parlamentare di Forza Italia condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa, rifugiato a Dubai da anni. O Raffaele Imperiale, narcotrafficante ritenuto vicino al clan degli scissionisti, fuggito negli Emirati Arabi nel 2016.

Abbiamo intervistato Anna Rossomando, senatrice del Partito Democratico e vicepresidente del Senato, per chiederle un commento sui tempi dell’approvazione e sull’efficacia di provvedimenti di questo tipo.

 

Siamo a un passo dalla ratifica del trattato di cooperazione giudiziaria ed estradizione tra Italia ed Emirati Arabi Uniti. Con quali tempi ritiene che arriveremo al voto, dunque all’approvazione definitiva?

Dobbiamo arrivarci in tempi brevissimi. Abbiamo il dovere e la responsabilità di farlo perchè è un provvedimento importante e atteso. Un provvedimento nato con il Governo Gentiloni e il Ministro Orlando, che prima della pausa estiva è stato finalmente approvato alla Camera. Io, come vicepresidente del Senato, mi impegno a chiedere la più celere calendarizzazione del trattato.

Credo e sono fiduciosa che verrà approvato tempestivamente, perchè è un provvedimento sul quale c’è una condivisione molto ampia. Quello che serve è la sensibilità per farne una priorità.

Ritiene dunque che anche la maggioranza di Governo sia interessata ad approvare al più presto il provvedimento?

Io lo auspico! Penso che non sia mai abbastanza sottolineare come su questi temi sia necessaria una larghissima condivisione e di fatto nessuno possa dirsi contrario alla lotta alle Mafie. Però la questione è di sfuggire alla retorica, perchè essere contro le Mafie è ovviamente facile a dirsi, ma poi quello che conta sono le priorità e l’attenzione che si dedica.

Io vedo con preoccupazione il fatto che il contrasto alle Mafie sia un po’ scomparso dall’agenda politica e dalle priorità del contratto Giallo-Verde. Da questo punto di vista il mio impegno è quello di richiamare l’attenzione sull’argomento. Quello che conta, infatti, è capire quali provvedimenti siano una priorità e quale sia l’atteggiamento complessivo del Governo.

Ci tengo a ricordare come nella passata legislatura abbiamo approvato delle riforme importantissime con il concorso di tutti i partiti, penso al “Codice Antimafia” o alla “Riforma dei beni confiscati alle Mafie”, ora queste leggi vanno fatte applicare e devono essere fatte vivere per farle funzionare davvero. Questo per dire che la lotta alle Mafie vive di molta concretezza e di un impegno che inizia con l’approvazione di una legge, ma l’approvazione non è il punto di arrivo.

Come ricordava, già nella scorsa legislatura, in commissione Giustizia, lei si è dimostrata attenta al tema. Perchè ritiene che un accordo di cooperazione giudiziaria tra i due Paesi sia così importante?

In una dimensione ormai sovranazionale della criminalità organizzata, questo tipo di provvedimento è fondamentale, altrimenti continueremo a non avere gli strumenti per individuare, punire e applicare le sanzioni che eroghiamo con le sentenze.

Mi spiego: il fatto che ci sia un processo o un’indagine che si conclude con una sentenza di condanna in Italia, ovviamente ha una dimensione di per sè internazionale. Questo perchè la persona coinvolta non si rifugia semplicemente all’estero per sfuggire alla giustizia, ma è la stessa organizzazione di cui fa parte ad agire in una dimensione sovranazionale. Ormai la cooperazione internazionale è un punto fondamentale e ineludibile, quindi l’approvazione del trattato è un passo importante che può avere anche una funzione di deterrenza e che va a colmare una lacuna che c’era nel nostro ordinamento.

Approfitto dell’occasione per ricordare il lavoro del mio collega Davide Mattiello nella scorsa legislatura sui temi che hanno a che vedere con la lotta alla criminalità organizzata, il suo impegno nella proposta di legge, ma anche l’attenzione e il lavoro di tessitura che ha fatto per ottenere provvedimenti che avessero il più largo consenso possibile.

Per saperne di più consulta tutti i materiali della campagna di Benvenuti in Italia“Stop latitanti: subito il trattato Italia-Emirati”.

Approvare la ratifica del trattato di estradizione con gli Emirati Arabi

 

A coloro che parlano – giustamente – di lotta alla Mafia, di lotta alla corruzione, ricordiamo che prima di tutto bisogna annullare l’impunità. Per questo motivo sono andato davanti al Senato della Repubblica per legare un fazzoletto: bisogna calendarizzare e votare al più presto la ratifica del trattato di cooperazione ed estradizione con gli Emirati Arabi per mettere fine alle latitanze spudorate di molti italiani.

Per maggiori informazioni sulla campagna per la ratifica del trattato, clicca qui.

Guarda il video:

 

Il caporalato uccide, l’indifferenza pure

Ancora una strage di lavoratori, schiacciati non solo da lamiere accartocciate sulle strade italiane dopo aver raccolto pomodori per due euro l’ora ma dallo sfruttamento da parte di padroni, padrini e sfruttatori vari. Sono lavoratori uccisi dal bisogno, dalla disperazione, da un lavoro lasciato troppo spesso nelle mani del mercato criminale e dall’indifferenza. Ma anche dalle lacrime di coccodrillo di chi dopo ogni strage invoca controlli e (contro)riforme salvo riprecipitare nell’oblio dopo pochi giorni, per poi riparlarne alla strage successiva, dimenticando che nel nostro Paese vi è un morto sul lavoro ogni otto ore e due mila infortunati al giorno: quindi ogni giorno è strage. E ogni giorno aumenta la responsabilità di chi non vede, non sente, ma parla quando si contano i morti. Solo nell’agricoltura sono 430 mila i lavoratori e le lavoratrici sfruttati, di cui 130 mila in condizioni paraschiavistiche. E poi c’è l’edilizia, i trasporti, i servizi etc.
Per questo non facciamo appello alle Istituzioni le quali conoscono i loro doveri e se non li adempiono ne risponderanno davanti a chi democraticamente li giudica e controlla. Vogliamo invece rivolgerci a uomini e donne di buona volontà che non vogliono chiudere gli occhi davanti a un prodotto sottocosto sul banco di un supermercato, dietro il quale c’è una filiera che inizia con il sangue di disperati, migranti e italiani. Chi produce, vende, compra, usa un tale prodotto è l’altro capo dello sfruttamento. E non può più rimanere indifferente.
Facciamo appello ad associazioni, sindacati, persone e organizzazioni che ogni giorno vivono e combattono la violazione di diritti umani, le mafie, il caporalato, la tratta e ne sopportano il peso, vedendo calare ogni anno l’indice di dignità e legalità, dunque di democrazia del Paese.
Non ci stancheremo di ripetere che lo sfruttamento del lavoro, il controllo del territorio e l’umiliazione della persona sono il terreno in cui nascono e crescono le mafie. Così come contro le mafie, non basta chiedere che tutte le istituzioni facciano la loro parte, ma è necessario che ciascuno di noi apra gli occhi e combatta collettivamente perché i diritti non vengano dopo i prezzi, le persone dopo i prodotti, gli interessi economici criminali e illegali prima del lavoro legale.
A questo appello, con idee e fatti, si può aderire scrivendo a ilcaporalatouccide@gmail.com

Bruno Giordano, magistrato presso la corte di cassazione,
Marco Omizzolo, sociologo
Davide Mattiello, Benvenuti in Italia

Europa e nazionalismi: Rosy Bindi ospite di Benvenuti in Italia

L’11 giugno 2018 Rosy Bindi è stata ospite della Fondazione Benvenuti in Italia per il terzo appuntamento del ciclo “Il futuro è un posto meraviglioso”. Con lei abbiamo discusso di populismi e nuovi nazionalismi, una situazione che non può prescindere dall’attualità e dalla decisione del Governo Conte di chiudere i porti, impedendo ai migranti di arrivare in Europa.